Alessandro Guerriero

Alessandro Guerriero è uno a cui piace cambiare le regole. Lo fa da oltre trent’anni. Almeno da quando, nel 1976, fondò Alchimia, il gruppo di designer che diedero faccia e idee alla post-avanguardia italiana. Se c’è da far saltare uno schema, piegare la realtà o
soltanto colorare un pensiero, Guerriero non si tira mai indietro. Parla con un vocabolario tutto suo. Un vocabolario in cui l’aggettivo da mettere di fianco alla parola “Design” è “Romantico” (ha chiamato così, la teoria con cui guarda al suo mestiere). I lavori di Guerriero sono ovunque – dal Museo d’Arte Moderna di Tokyo, al
Metropolitan Museum di New York – ma il suo sguardo caleidoscopico si è posato anche sugli spazi meno ortodossi per l’architettura e il design.
Alessandro Guerriero ha reinventato giornali (come quando nel 1988 ha editato OLLO - Rivista senza Messaggio), concerti e teatri (con i suoi progetti scenografici per i Matia Bazar e i Magazzini Criminali), carceri (con la Cooperativa del Granserraglio, composta da detenuti in semilibertà), scuole (fondando, nel 1987, la Domus Academy e poi, nel 1995, il Futurarium di Ravenna, un laboratorio didattico dove imparare la “dissolvenza delle discipline”). Il “Compasso d’Oro” è del 1982. Alessandro Guerriero è stato presidente della Naba, la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano. In questo momento sta reinventando i laboratori della Sacra Famiglia. Per Absolut World ha disegnato il muro alle Colonne di San Lorenzo e per non lasciare in pace nessuno ha lanciato la scuola gratuita Tam Tam….

Alessandro Guerriero is one who likes to change the rules. It has been doing this for over thirty years. At least since, in 1976, he founded Alchimia, the group of designers who gave face and ideas to the Italian post-avant-garde. If there is to blow up a pattern, bend reality or
just coloring a thought, Warrior never backs down. Talk to your own vocabulary. A vocabulary in which the adjective to put next to the word "Design" is "Romantic" (he called it that, the theory with which he looks at his craft). Guerriero's works are everywhere - from the Tokyo Museum of Modern Art to
Metropolitan Museum in New York - but his kaleidoscopic gaze has also settled on less orthodox spaces for architecture and design.
Alessandro Guerriero has reinvented newspapers (like when he edited OLLO - Magazine without Message in 1988), concerts and theaters (with his scenographic projects for the Matia Bazar and the Magazzini Criminali), prisons (with the Cooperativa del Granserraglio, composed of prisoners in semi-liberty ), schools (founding, in 1987, the Domus Academy and then, in 1995, the Futurarium of Ravenna, an educational laboratory where you can learn the "fading of disciplines"). The "Compasso d’Oro" is from 1982. Alessandro Guerriero was president of Naba, the New Academy of Fine Arts in Milan. He is currently reinventing the Holy Family workshops. For Absolut World he designed the wall at the Columns of San Lorenzo and in order not to leave anyone alone he launched the free school Tam Tam….

Showing: 1
Loading...