Home Menu Cart Search
Home Menu Cart Search

Intervista al designer del mese: Alberto Meda per Cyrcus

Alberto Meda ingegnere, designer, docente, tre volte "Compasso d'oro", in esclusiva per Cyrcus

alberto meda

Quali sono le parole chiavi del suo lavoro di designer?
Utile, bello, leggero, semplice, innovativo

Perché ha progettato Omaggio a Donald Judd per Cyrcus?
Perché condivido l’approccio di Cyrcus alle tecnologie digitali di produzione

shelves alberto meda

Omaggio a Donald Judd per Cyrcus by Alberto Meda. Set di 4 mensole in alluminio.

Quale tecnologia ha utilizzato e perché?
Ho utilizzato le tecnologie del taglio laser e della piegatura di un foglio di alluminio per realizzare delle mensole che hanno un ingombro molto limitato, hanno solo due dimensioni nell'imballo, la terza l’ acquistano quando sono appese al muro.
E’ l’utente finale che gli dà facilmente la terza dimensione grazie a dei tagli sottili prodotti dal laser nelle zone di piega.

Omaggio a Donald Judd per Cyrcus by Alberto Meda. Istruzione per la piegatura.


mensola di alberto meda

Omaggio a Donald Judd per Cyrcus by Alberto Meda. Set di 4 mensole in alluminio.

 
Che cosa significa per un designer sperimentare?
Le idee nascono inconsapevolmente, non sono pianificabili, anche se possono essere stimolate da un’attitudine sperimentale, dalla curiosità verso tecnologie e materiali innovativi, dalla capacità di trasferire, contaminare e innestare saperi anche distanti fra loro, integrandoli. È il sapere contenuto nella materia a ispirare un’idea. Si tratta di riconoscerlo, declinarlo e applicarlo, rivelandone l’intelligenza.

C’è un oggetto che le piacerebbe ricreare e\o un progetto che con la digital fabrication avrebbe potuto fare diversamente?
La sedia Lightlight per Alias nel 1987 in fibra di carbonio fu prodotta in soli 50 esemplari per il costo troppo elevato dovuto alla forte manualità del processo di produzione dei materiali compositii.
Oggi potrebbe essere interessante realizzarla con la tecnica del 3D printing.

alberto meda sedia

La sedia Soft Light di Alberto Meda

Secondo Lei a quali bisogni risponde il design oggi? 
La caratteristica più importante di un progetto è che abbia senso, cioè che risolva bisogni, desideri irrisolti Ciò comporta almeno una piccola differenza rispetto all’esistente, perché questa è la condizione minima per legittimare una nuova idea e ne costituisce la ragion d’essere profonda.


 Quali sono i suoi riferimenti creativi?
Sono affascinato dal lavoro degli Eames e di Prouvè perché entrambi partono da una idea costruttiva e non da un repertorio formale fisso.

Leave a comment

Back to News

Search